1977 - Parigi

 La vecchia Torre e il nuovo Beaubourg

 
 
     
     
     
 
     
     
 
     
 
     
     
     
     
     
 
     
 
     
     

 

 

 

Torre Eiffel

La Torre Eiffel (in lingua francese Tour Eiffel) è il monumento più famoso di Parigi ed è conosciuta in tutto il mondo come simbolo della Francia. Fu chiamata così dal nome del suo progettista, l'ingegnere Gustave Eiffel. È visitata mediamente ogni anno da cinque milioni e mezzo di turisti.

La struttura è stata costruita in meno di due anni, dal 1887 al 1889; avrebbe dovuto servire da entrata alla Esposizione Universale del 1889, una Fiera Mondiale organizzata per celebrare il centenario della Rivoluzione Francese. Inaugurata il 31 marzo del 1889, venne ufficialmente aperta il 6 maggio dello stesso anno.
 

Trecento metalmeccanici hanno assemblato i 18.038 pezzi di ferro forgiato, utilizzando mezzo milione di chiodi. Viste le condizioni di sicurezza esistenti allora, è sorprendente che solo un operaio abbia perso la vita durante i lavori del cantiere (durante l'installazione degli ascensori).

La torre è alta con la sua antenna 304 metri - escludendo le antenne della televisione sulla sommità, che sono alte 20 metri - e pesa 10.000 tonnellate. Per 40 anni è stata la struttura più alta del mondo. Per il suo mantenimento servono anche 50 tonnellate di vernice ogni 7 anni. A seconda della temperatura ambientale l'altezza della Torre Eiffel può variare di diversi centimetri a causa della dilatazione del metallo ( sino a 15 cm più alta durante le calure estive). Nelle giornate ventose sulla cima della torre si possono verificare oscillazioni sino a 12 cm.

Quando fu costruita, vi fu una certa resistenza da parte del pubblico, in quanto si pensava che sarebbe stata una struttura poco estetica. Oggi giorno è generalmente considerata uno degli esempi di arte architettonica più straordinari nel mondo.

 

(c) Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 

Centre Pompidou o Beaubourg
     
     

 

     

     
 
     
 
     
     
 
     
     
 
 
     
 
     
 
     
     
     
 
     
     
 
     
     
 
 
 
 
 
     
 
     
     


Il Centro nazionale d'arte e di cultura Georges-Pompidou,

conosciuto anche come Centre Pompidou o Beaubourg,

si trova in Rue Beaubourg 19 a Parigi.
 

In origine sia la collezione della città di Parigi sia quella nazionale d'arte moderna si trovavano in ali separate del Palazzo di Tokyo sulla riva destra della Senna, ma quando le due collezioni crebbero, sorse l'esigenza di trovare una nuova destinazione per la collezione nazionale, che venne infine trasferita al Centre National d'Art et de Culture Georges Pompidou. Il centro artistico e culturale prende nome dal presidente della Repubblica Francese Georges Pompidou.

L'edificio venne commissionato nel 1969, fu indetto un concorso internazionale per il quale vennero prodotti 681 progetti. Al termine la commissione giudicante scelse il progetto dell'italiano Renzo Piano e dell'inglese Richard Rogers. La costruzione iniziò nel 1971 e già in sei mesi era stata realizzata l'enorme struttura in acciaio.
Dopo sei anni ed una spesa di un milione di dollari, il 31 gennaio 1977 l'allora presidente Valéry Giscard d'Estaing aprì ufficialmente il Centre Pompidou con la mostra inaugurale dedicata all'artista dada Marcel Duchamp.

Il Centro divenne in breve tempo il luogo di cultura più visitato al mondo con una media di sette milioni di visitatori l'anno.
Colpito da tale enorme ed inaspettato successo, nel 1997 il centro fu "costretto" a chiudere proprio per i suoi stessi numeri, ma il 1 gennaio 2000 riaprì le porte al pubblico un Centre Pompidou rinnovato e ringiovanito.

La sua funzione primaria è quella di museo e di centro per le arti visive del Novecento.
La sezione più ampia è rappresentata dal Musée National d'Art Moderne, una delle collezioni più grandi del mondo, che occupa il terzo e quarto piano del palazzo.
Il quinto piano è occupato dalla Grandes Galleries, destinata a grandi mostre itineranti.
Al piano terra si trovano le Galleries Contemporaines, che servono per le mostre di artisti contemporanei.

Il Centre Pompidou ospita anche una biblioteca pubblica, il Centre creation industriels (centro di design industriale) e l'Istituto di ricerca e coordinamento acustico musicale del compositore Pierre Boulez, che comprende sale e studi di prova ed una sala da concerto destinata per lo più alla presentazione di musica moderna e d'avanguardia.
Oltre ad una cineteca ed al cinema Salle Garance, ci sono librerie, ristoranti ed un Internet Café.

Ma l'arte e la cultura non sono confinate all'interno del centro: il progetto comprende anche una vasta piazza davanti all'ingresso, opera degli architetti Renzo Piano e Richard Rogers, che è diventata il principale palcoscenico per il teatro di strada.
All'esterno si trova anche la fontana Beaubourg (1980), progettata dai francesi Jean Tinguely e Niki de Saint Phalle, con fantastici uccelli animanti da cui sgorgano zampilli d'acqua in varie direzioni.


(c)  Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

     

 

I grattacieli arlecchini di Neuilly sur Seine