Il Grande Sogno

Personale itinerario della memoria con fotografie scattate tra il 1970 ed il 1975

Le foto e un Video

 

Video

 

Agosto 1969 - Trovato un pollo morto, tutti i particolari in cronaca
 

 

 

 

Febbraio 1970 - Fontana nella Stazione Centrale di Napoli
 

 

 

 

Febbraio 1970 - Devozione in una Chiesa in Corso Umberto di Napoli
 

 

 

 

Gennaio 1970 - Cittadini leggono i titoli dei giornali
 

 

 

 

Ottobre 1970 - Sposi in Piazza Municipio
 

 

 

 

Febbraio 1970 - Pittore stradale in Via Toledo
 

 

 

 

Gennaio 1970 - Giovane dipinge e vende stampe
 

 

 

 

Gennaio 1970 - Striscione sulla facciata dell'Università Centrale
 

 

 

 

Gennaio 1970 - Facoltà di Matematica occupata in Via Mezzocannone
 

 

 

 

Gennaio 1970 - Dazibao sui muri di Via Mezzocannone
 

 

 

 

Novembre 1970 - Nella sede del Comitato di Quartiere del Rione Traiano
 

 

 

 

Novembre 1970 - Scritte sui muretti della Cumana al Rione Traiano
 

 

 

 

Novembre 1970 - Dazibao sui muri del Rione Traiano
 

 

 

 

Novembre 1970 - Scritte sui muretti della Cumana al Rione Traiano
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1971 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

Dic.1971 - Pubblico alla mostra Fotografia e Informazione Visiva in Vico I Gravina
 

 

 

 

Feb.1972 - Comizio di Enrico Cardillo responsabile Comitato di S. Erasmo ai Granili
 

 

 

 

Feb.1972 - Mostra della Controscuola gestita dal Comitato di S. Erasmo ai Granili
 

 

 

 

Feb.1972 - Lezione alla  Controscuola gestita dal Comitato di S. Erasmo ai Granili
 

 

 

 

Feb.1972 - Lezione alla  Controscuola gestita dal Comitato di S. Erasmo ai Granili
 

 

 

 

Marzo 1972 - Sezione Capodimonte del PCI
 

 

 

 

Marzo 1972 - Sezione Capodimonte del PCI
 

 

 

 

 Maggio 1973 - Comizio di Massimo Caprara al Rione Traiano
 

 

 

 

25-4-1973 - 25 Aprile Festa della Liberazione manifestazione al Cinema Fiorentini e per la strada
 

 

 

 

25-4-1973 - 25 Aprile Festa della Liberazione manifestazione al Cinema Fiorentini e per la strada
 

 

 

 

25-4-1973 - 25 Aprile Festa della Liberazione manifestazione al Cinema Fiorentini e per la strada
 

 

 

 

25-4-1973 - 25 Aprile Festa della Liberazione manifestazione al Cinema Fiorentini e per la strada
 

 

 

 

25-4-1973 - 25 Aprile Festa della Liberazione manifestazione al Cinema Fiorentini e per la strada
 

 

 

 

Aprile 1973 - Manifesti per strada
 

 

 

 

Aprile 1973 - Manifesti per strada
 

 

 

 

Aprile 1973 - Dazibao per strada
 

 

 

 

1-5-1973 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1973 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1973 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1973 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

1-5-1973 - Corteo del Primo Maggio
 

 

 

 

8-3-1974 - Giornata mondiale della Donna UDI - Teatro Instabile
 

 

 

 

3-3-1974 - Congresso Sezione PCI di Chiaia  Posillipo al Viale Gramsci
 

 

 

 

20-4-1974 - Comizio di Enrico Berlinguer a Piazza Pleblicito per Referendum sul divorzio

con Maurizio Valenzi e Andrea Geremicca

 

 

 

 

20-4-1974 - Cartello al Comizio di Enrico Berlinguer a Piazza Pleblicito per Referendum sul divorzio
 

 

 

 

Aprile 1974 - Manifesti  per Referendum sul divorzio
 

 

 

 

Aprile 1974 - Manifesti  per Referendum sul divorzio
 

 

 

 

Aprile 1974 - Manifesti  per Referendum sul divorzio
 

 

 

 

Aprile 1974 - Titoli di giornali  sul Referendum sul divorzio
 

 

 

 

Aprile 1974 - Manifesti  per Referendum sul divorzio
 

 

 

 

Aprile 1974 - Manifesti  per Referendum sul divorzio
 

 

 

 

Maggio 1974 - Tazibao sui muri di Napoli
 

 

 

 

Giugno 1974 - Demolizioni a S.Erasmo per la realizzazione della nuova Via Marina
 

 

 

 

29-5-1974 - Sciopero Generale per la Strage di Brescia
 

 

 

 

29-5-1974 - Sciopero Generale per la Strage di Brescia
 

 

 

 

29-5-1974 - Sciopero Generale per la Strage di Brescia
 

 

 

 

29-5-1974 - Sciopero Generale per la Strage di Brescia
 

 

 

 

29-5-1974 - Sciopero Generale per la Strage di Brescia
 

 

 

 

29-5-1974 - Sciopero Generale per la Strage di Brescia
 

 

 

 

29-5-1974 - Sciopero Generale per la Strage di Brescia - La polizia presidia la sede del MSI
 

 

 

 

29-5-1974 - Sciopero Generale per la Strage di Brescia
 

 

 

 

29-5-1974 - Sciopero Generale per la Strage di Brescia
 

 

 

 

Gennaio 1975 - Scritta sui muri di Napoli
 

 

 

 

Gennaio 1975 - Scritta sui muri di Napoli
 

 

 

 

Gennaio 1975 - Scritte e dazibao sull'autoriduzione a Montesanto
 

 

 

 

Gennaio 1975 - Dazibao sull'autoriduzione a Montesanto
 

 

 

 

Aprile 1975 - Sciopero a Piazza Matteotti
 

 

 

 

21-6-1975 - A Piazza del Carmine i Funerali di Iolanda Paladino
 

 

 

 

21-6-1975 - A Piazza del Carmine i Funerali di Iolanda Paladino (Leggi articolo)
     

 

Il Grande Sogno

foto di Gian Luigi Gargiulo
Napoli 1970-1975

 

(c) Musica - 1965: Barry McGuire - Eve Of Destruction
Testo e musica di P.F.Sloan
 


'Io presi le pizze e tornai a casa'

Ormai Michele Florino è senatore da sei legislature di Alleanza nazionale, ha 65 anni e si definisce un politico «moderatissimo». All' epoca dei fatti di mestiere era tipografo, abitava come oggi in via Cesare Rosaroll, era il segretario della sezione del Msi "Berta" di via Foria. Fu lì che alle 23,30 del 17 giugno 1975, una ragazza non ancora ventenne, geometra diplomata che abitava vicino a Porta Nolana, con la mamma casalinga e il papà cuoco del ristorante "Mimì alla ferrovia", si trasformò nella vittima innocente dell' odio politico. Si chiamava Iolanda Palladino.


Una bottiglia incendiaria centrò la Fiat 500 di Iolanda, lei per puro caso inserita nella colonna di auto che sfilava per festeggiare la vittoria della sinistra alle elezioni amministrative. La capote prese fuoco e poi anche tutto l' abitacolo. La giovane divenne una torcia umana. Trasportata d' urgenza al Sant' Eugenio di Roma, morì quattro giorni dopo tra sofferenze indicibili. Il leader missino Giorgio Almirante si dissociò dalla violenza e dispose: chiudere la Berta e destituire il suo segretario Michele Florino. "L' Unità", organo del partito comunista, scrisse di lui: «Collegato a personaggi dello squadrismo napoletano, pochi concetti chiari: odio dei rossi, esaltazione della violenza, ribellismo alla classe dirigente». La federazione del Msi fu commissariata. Fiori bianchi e slogan antifascisti: ai funerali di Iolanda Palladino nella chiesa del Carmine si raccolsero 30 mila persone, studenti, lavoratori, operai dell' Alfasud e di tutte le fabbriche napoletane. Sandro Pertini, presidente della Camera, le rese omaggio all' obitorio di Roma. Il presidente della Corte costituzionale, lo stabiese Francesco Paolo Bonifacio, scrisse un telegramma: «Iolanda, innocente vittima di un odio politico che non ha nulla di umano». I "neri" della Berta affissero uno striscione in via Foria. Diceva: «Solo Iddio può piegare la volontà fascista, gli uomini e le cose mai». Si era votato il 15 giugno. Per la prima volta nella sua storia, il Pci aveva conquistato la leadership in città con oltre il 35 per cento dei voti e Maurizio Valenzi di lì a poco sarebbe diventato sindaco. L' entusiasmo fu lacerato da quell' assassinio. Secondo l' ufficio politico della questura di Napoli, guidato da Filippo Ciccimarra, il piano era stato preordinato e organizzato nei dettagli. Abdon Alinovi, allora segretario regionale del Pci, ricorda: «In quella sezione, ai confini con il quartiere della Sanità, c' era un nucleo violento, di veri e propri assalitori, squadristi terribili». Il 23 giugno venne arrestato per omicidio Umberto Fiore, anche lui 20 anni, iscritto alla Berta. Si era rifugiato a Ischia, dove d' estate faceva il cameriere in un bar. Si autoaccusò dell' uccisione, dicendo che aveva agito «non per colpire ma per intimorire». Venne condannato il 7 luglio 1977 dal tribunale di Roma, con l' attenuante della preterintenzionalità, a sei anni di carcere. Finito alla sbarra per favoreggiamento, Florino venne assolto. A distanza di 30 anni Florino, seduto nel suo studio di via Rosaroll, riannoda i fili della memoria e racconta. «Quella sera chiesi al custode di chiudere presto la sezione perché era probabile che con la vittoria potessero esserci delle provocazioni. Risulta dagli atti giudiziari. Purtroppo in via Foria si erano concentrati gli attivisti di molte zone di Napoli per scontrarsi con gli estremisti di sinistra. Invitai i miei ragazzi ad andare via per evitare incidenti. Presi le pizze e salii a casa, alla tv trasmettevano "Giochi senza frontiere". Il mattino dopo comprai il giornali e lessi la notizia. Dissi: caspita, che guaio hanno combinato. Non andai al funerale di quella poveretta, sarei stato linciato. Per capire quel clima dovremmo riscrivere la storia degli opposti estremismi, fare un riesame degli anni Settanta, perché allora gli strateghi in alto decidevano tutto, strumentalizzavano e questo sfuggiva ai giovani, compreso il sottoscritto. In quell' epoca Massimo Abbatangelo era il "mazziere", gli altri capi erano Italo Sommella e Salvatore Caruso. Io vivevo un po' ai margini e non mi piaceva scontrarmi, lo facevo solo per legittima difesa». Si ferma, poi riprende: «Eravamo ragazzi passionali, non rozzi, ma certo non intellettuali, avevamo una preparazione politica sebbene non tesa a rovesciare il sistema. Sì, meno intellettuali di quelli di sinistra. Qualche mese fa le dichiarazioni di Lollo hanno riacceso i riflettori sul rogo di Primavalle sul quale non è stata fatta ancora chiarezza e io ho un ricordo amaro per queste vittime, di destra e di sinistra, e di quella povera, sventurata ragazza...».



(c) PATRIZIA CAPUA

ARCHIVIO LA REPUBBLICA DAL 1984

'Io presi le pizze e tornai a casa'
Repubblica — 21 giugno 2005 pagina 1 sezione: NAPOLI